Scopri i libri che noi preferiamo! Clicca qui
Attualità >> In rilievo >> Ultime news

Saranno i ‘lecca-calze’?

Autore: Mangiarotti, Don Gabriele  Curatore: Saro, Luisella
Fonte: CulturaCattolica.it
domenica 18 dicembre 2016

Papa a TV2000: “Ho l’allergia ai ‘lecca-calze’...”
Si riferisce a costoro?
Avvenire: «Dio è ingiusto? Sì, è stato ingiusto con suo figlio, l’ha mandato in croce. Ma è la nostra esistenza umana, la nostra carne che soffre in quel bambino, e quando si soffre non si parla: si piange e si prega in silenzio».

Agensir: «Dio è ingiusto? Sì, è stato ingiusto con suo figlio, l’ha mandato in croce. Ma è la nostra esistenza umana, la nostra carne che soffre in quel bambino, e quando si soffre non si parla: si piange e si prega in silenzio».

La Stampa (Iacopo Scaramuzzi): «Dio è ingiusto? È stato ingiusto con il suo figlio lo ha mandato in croce, se seguiamo questa logica dobbiamo dire questo. Ma è la nostra esistenza umana la nostra carne che soffre in quel bambino e quando si soffre non si parla, si piange, si prega, in silenzio»

È evidente che risulta difficile scrivere su carta quello che viene detto in un incontro a braccio, dove anche l’espressione, il tono della voce, i silenzi sono eloquenti. Ma è per me disgustoso riportare le affermazioni del Papa nell’incontro con i bambini malati del Bambin Gesù dando alle parole un senso diverso da quello che hanno. E mentre Scaramuzzi, lasciando quell’inciso «se seguiamo questa logica…» mantiene in qualche modo il senso di quello che intende dire il Papa, Avvenire e Agensir danno alle parole del pontefice il significato contrario a quello che – guardando il video dal vivo, come ho fatto ben cinque volte per sincerarmene [https://www.youtube.com/watch?v=6ald7JRmbDQ&feature=youtu.be&t=29m15s] – risulta chiaro ascoltando. Non è, come alcuni hanno detto, una «bestemmia» ma l’invito a leggere con più attenzione la drammaticità del dolore innocente.

Possiamo chiedere ai giornalisti – soprattutto se «cattolici» – di aiutarci a capire quello che il Papa ci vuole dire, senza aggiungere confusione alla confusione, più o meno in buona fede, operata quotidianamente dal mondo della comunicazione?

Per evitare di leggere questi commenti su Facebook: «“Dio è ingiusto? Sì, è stato ingiusto con suo figlio, l’ha mandato in croce” dice il vdr.
Ecco quindi sulla bocca di un “pontefice” il più grande atto d’accusa dei poteri laicisti verso Dio Onnipotente. Ecco il grido beffardo dei farisei che lo sfidavano a scendere dal patibolo. Ecco tutta la sporcizia presente nella Chiesa che finalmente fuoriesce come un magma incandescente.
E’ coerente, però il vdr: a suo modo di vedere è ingiusto perché non esistono peccati da perdonare e da espiare. E quel sacrificio, in questa visione, non può che essere ingiusto perché inutile.»


Pagina:  1  2  3  4  5  6  7  8  9  10
Firma anche tu


© Copyright 1995-2010 | CulturaCattolica.it | Privacy Policy |Credits