Clicca per scoprire tutte le News: Mille argomenti. Un solo giudizio
Attualità >> In rilievo >> Ultime news
Catechismo dell'universo quotidiano

La teoria del gender? Non esiste... (?)

Autore: Tanduo, Luca e Paolo  Curatore: Leonardi, Enrico
Fonte: CulturaCattolica.it
giovedì 22 dicembre 2016

Per tutti quelli che continuano a sostenere che la teoria del gender è una invenzione, segnaliamo che il National Geographic Usa ospita per la prima volta nella sua storia una persona transgender in copertina. Avery Jackson, un bambino di nove anni, transgender del Missouri, è sul numero speciale interamente dedicato alla identità di genere e dei diritti.
E' utile allora ricordare le chiare parole di papa Francesco sul tema, in particolare in riferimento all'educazione dei più piccoli.

Nel suo ultimo viaggio in Georgia Papa Francesco non ha usato certo giri di parole, ma come ha già fatto altre volte ha denunciato il pericolo delle colonizzazioni ideologiche, e fra queste ha indicato come la più pericolosa quella del gender, che definisce un grande nemico. Il Papa ha parlato a braccio: “un grande nemico” del matrimonio – ha detto - è “la teoria del gender. Oggi c’è una guerra mondiale per distruggere il matrimonio … ma non si distrugge con le armi, si distrugge con le idee”, sono le “colonizzazioni ideologiche che distruggono”.

Il Papa già altre volte ha chiaramente parlato contro la teoria del gender: il 20 gennaio 2015 nell’incontro con le famiglie filippine, è tornato a denunciare la “colonizzazione ideologica” del gender che attraverso le scuole tenta di “ridefinire l’istituzione del matrimonio” e “distruggere la famiglia”; a Napoli il 21 Marzo 2015 dove, oltre a criticare la convivenza “I giovani non vogliono sposarsi non è una cosa di moda, preferiscono convivere”, ha denunciato la “colonizzazione ideologica”, che, diffondendo quello “sbaglio della mente che è la teoria del gender, crea “tanta confusione”. A Roma in piazza San Pietro il 15 aprile 2015 ha parlato della differenza sessuale: “La cultura moderna e contemporanea ha aperto nuovi spazi, nuove libertà e nuove profondità per l’arricchimento della comprensione di questa differenza. Ma ha introdotto anche molti dubbi e molto scetticismo". ”Per esempio, io mi domando, se la cosiddetta teoria del gender non sia anche espressione di una frustrazione e di una rassegnazione, che mira a cancellare la differenza sessuale perché non sa più confrontarsi con essa. Sì, rischiamo di fare un passo indietro. La rimozione della differenza, infatti, è il problema, non la soluzione” . Infine a Cracovia durante la GMG Francesco non ha mancato di richiamare affrontando le derive ideologiche con i vescovi polacchi: “E una di queste, lo dico chiaramente con “nome e cognome”, è il gender! Oggi ai bambini a scuola si insegna questo: che il sesso ognuno lo può scegliere. E perché insegnano questo? Perché i libri sono quelli delle persone e delle istituzioni che ti danno i soldi”. "Sono le colonizzazioni ideologiche, sostenute anche da Paesi molto influenti. E questo è terribile.” (Cracovia 27 luglio 2016).

Papa Francesco il 14 giugno 2015 nel discorso di apertura del convegno della diocesi di Roma, raccontava: “Mi diceva, due settimane fa, una persona, un uomo molto cattolico, bravo, giovane, che i suoi ragazzini andavano in prima e seconda elementare e che la sera, lui e sua moglie tante volte dovevano “ri-catechizzare” i bambini, i ragazzi per quello che riportavano da alcuni professori della scuola o per quello che dicevano i libri che davano lì. Queste colonizzazioni ideologiche, che fanno tanto male e distruggono una società, un Paese, una famiglia. E per questo abbiamo bisogno di una vera e propria rinascita morale e spirituale.” E invitava quindi ragazzi e famiglie a reagire. Nel ritorno dal Caucaso, il papa ha detto: “Una cosa è la persona che ha questa tendenza, o anche che cambia sesso. Un'altra è fare insegnamenti nelle scuole su questa linea, per cambiare la mentalità: io chiamo questo colonizzazione ideologica", il papa poi ribadendo il suo atteggiamento di accoglienza verso tutte le persone, anche quelle con tendenze e anche pratiche omosessuali, affermava “accolgo tutti ma il gender a scuola è una cattiveria”.


Pagina:  1  2  3  4  5  6  7  8  9  10


© Copyright 1995-2010 | CulturaCattolica.it | Privacy Policy |Credits