Cultura >> Il calendario del marciapiedaio >> Da ricordare

24 Dicembre. Huntington e lo scontro di civiltà

Autore: Restelli, Silvio  Curatore: Mangiarotti, Don Gabriele
Fonte: CulturaCattolica.it  E-mail: silvio.restelli@libero.it

Oggi 24 Dicembre ricordiamo la figura di Samuel Huntington (2008), a distanza di tre giorni (21 Dicembre) da quella di Franz Boas, (1942.)
Mentre il grande antropologo introduceva per primo il concetto di relativismo culturale ad indicare la necessità di rinunciare all’etnocentrismo nello studio delle culture dei vari popoli, il politologo individuava, già nel 1996, cioè prima dell’11 settembre, il terreno della cultura e della civiltà come il nuovo fronte di lotta, che sostituisce quello ideologico dopo il superamento della guerra fredda, mettendo così in agitazione l’ideologia del politicamente corretto.

"La mia ipotesi è che la fonte di conflitto fondamentale nel nuovo mondo in cui viviamo non sarà sostanzialmente né ideologica né economica. Le grandi divisioni dell'umanità e la fonte di conflitto principale saranno legate alla cultura. Gli Stati nazionali rimarranno gli attori principali nel contesto mondiale, ma i conflitti più importanti avranno luogo tra nazioni e gruppi di diverse civiltà. Lo scontro di civiltà dominerà la politica mondiale. Le linee di faglia tra le civiltà saranno le linee sulle quali si consumeranno le battaglie del futuro".

Samuel Phillips Huntington (18 aprile 1927 – Marthàs Vineyard, 24 dicembre 2008) è stato un politologo statunitense noto per la sua analisi della relazioni tra governo civile e potere militare, i suoi studi sui colpi di Stato e le sue tesi sugli attori politici principali del ventunesimo secolo: le civiltà che tendono a sostituire gli Stati-nazione.
Negli ultimi anni si era occupato delle minacce poste agli Stati Uniti dall'immigrazione. È stato docente all'Università di Harvard e membro del Consiglio per le Relazioni Estere.
Dopo la Seconda guerra mondiale, svolse un ruolo importante nel lancio del movimento neo-conservatore insieme a Irving Kristol, Norman Podhoretz, Seymour Martin Lipset, Daniel Bell, Jeane Kirkpatrick e James Q. Wilson. Si tratta di allievi di Leo Strauss, il filosofo politico di origine ebraica, che ammirava la lettura di Nietzsche, Heidegger e Carl Schmitt.
Huntington divenne famoso negli anni '60 con la pubblicazione del saggio Political Order in Changing Societies, un lavoro che sfidava le teorie convenzionali sulla modernizzazione, le quali sostenevano che il progresso economico e sociale porterebbe alla nascita di democrazie stabili nei Paesi di recente decolonizzazione.
Celebre soprattutto per aver scritto il saggio Scontro di civiltà, più volte invocato dopo l'evento epocale dell'11 settembre del 2000, ma autore anche di 17 libri e un centinaio di articoli scientifici, nel 1993, con otto anni di anticipo sugli attentati di al Qaeda, la guerra in Afghanistan e l'Iraq, aveva scritto su Foreign Affairs che "la prossima guerra, se ci sarà, sarà una guerra tra civiltà".
Nel saggio Scontro di Civiltà, rielaborato nel 1996 in un libro tradotto in 39 lingue, intitolato The Clash of Civilizations and the Remaking of World Order - (Lo scontro delle civiltà e la nuova costruzione dell'ordine mondiale), lo studioso americano aveva sostenuto che, sotto la spinta della modernizzazione, la politica si stesse ristrutturando lungo "faglie culturali".
E tra le grandi civiltà contrapposte in un prossimo conflitto aveva indicato anche l'Occidente e l'Islam. Ma aveva poi elencato nel suo saggio sei diverse civiltà: islamica, slavo-ortodossa, confuciana, indù, giapponese e occidentale.
"La Guerra fredda è finita con il crollo della cortina di ferro. Con la scomparsa delle divisioni ideologiche in Europa, la faglia tra cristianità occidentale e cristianità ortodossa e Islam è riemersa", aveva scritto Huntington, osservando che "nel momento in cui la gente comincia a definire la propria identità in termini di etnia e religione, è sempre più comune il vedere un 'noi' contrapposto a un 'loro' nelle relazioni tra popoli di razza e fedi diverse".
Huntington crede che la divisione del mondo in civiltà lo descriva meglio della suddivisione classica in Stati sovrani. Suppone infatti che, per capire i conflitti presenti e futuri, siano da comprendere innanzitutto le divergenze culturali, e che la cultura (piuttosto che lo Stato) debba essere accettata come luogo di scontro.
Per questo motivo sottolinea che le nazioni occidentali potrebbero perdere il loro predominio sul mondo se non saranno in grado di riconoscere la natura inconciliabile di questa tensione.
Respingendo la tesi del professore di Harvard, il suo collega libanese trapiantato negli Usa Fouad Adjani aveva obiettato che il mondo islamico non è così monolitico come è descritto su 'Foreign Affairs'. In Iran – aveva scritto Adjani – molti giovani si ribellano agli imam fondamentalisti. In Iraq Saddam Hussein è salito al potere come leader secolare. E sia Egitto che Giordania hanno leadership capaci di dialogare con Israele. In altre parole, secondo Adjani, quello dell'Islam era "un mondo che si divide e suddivide".


Pagina:  1  2  3  4  5


© Copyright 1995-2010 | CulturaCattolica.it | Privacy Policy |Credits