Cultura >> Il calendario del marciapiedaio >> Da ricordare

27 Gennaio. Giorno della memoria della Shoah.

Autore: Restelli, Silvio  Curatore: Mangiarotti, Don Gabriele
Fonte: CulturaCattolica.it  E-mail: silvio.restelli@poste.it

Oggi, 27 gennaio, è il giorno della memoria. Infatti il 27 gennaio del 1945 l'Armata Rossa entra nel campo di sterminio nazista di Auschwitz e libera i prigionieri superstiti: il mondo scopre così l'orrore dell'Olocausto.

Ecco il testo della Legge 20 luglio 2000, n. 211
"Istituzione del "Giorno della Memoria" in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000

Art. 1. La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.
Art. 2.
In occasione del "Giorno della Memoria" di cui all’articolo 1, sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell’Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinché simili eventi non possano mai più accadere.
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sarà inserita nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.
Data a Roma, addi' 20 luglio 2000
CIAMPI Amato, Presidente del Consiglio dei Ministri
Visto, il Guardasigilli: Fassino

Il sito di "Storia e memoria" è molto ricco di esperienze fatte con la scuola, che hanno come tema sia "i giusti nella storia" sia semplicemente coloro che hanno dato la vita per gli altri.
Clicca qui

“La storia siamo noi” ci presenta un bel dossier, dedicato, tra gli altri a Giorgio Perlasca. Tra la fine del 1944 e il gennaio del 1945, fingendosi Console spagnolo a Budapest, fu il protagonista di una vicenda surreale in cui col suo coraggio riuscì a contrastare la barbarie dell'antisemitismo nazista.Clicca qui.

Per visitare il Giardino dei giusti di Milano, clicca qui

Per la riflessione sul totalitarismo vedi anche i "da ricordare" dedicati alla Arendt e alla Rosa Bianca.

Articoli correlati



Pagina:  1  2  3  4  5


© Copyright 1995-2010 | CulturaCattolica.it | Privacy Policy |Credits